I consumi degli elettrodomestici che abbiamo in casa

216
Consumi degli elettrodomestici

Quali sono gli elettrodomestici che consumano di più in casa?

Ogni mese, l’arrivo della bolletta è un momento critico per migliaia di famiglie. I costi, anno dopo anno, sembrano lievitare.
Contemporaneamente cresce l’interesse da parte delle aziende produttrici verso la questione del risparmio energetico.
Ad oggi, infatti, la maggior parte degli elettrodomestici sono progettati in modo da minimizzare il dispendio in termini di corrente elettrica.
Per un uso consapevole della tecnologia, è bene conoscere quanto, l’accensione di ogni singolo elettrodomestico, incida sul totale.
Quali sono i consumi degli elettrodomestici che abbiamo in casa? Scopriamolo insieme.

La lavastoviglie: croce e delizia
Salva tempo per eccellenza, la lavastoviglie è un’immancabile alleata. Importante soprattutto in caso di famiglie numerose e pranzi cospicui, consuma ad ogni “ciclo” una media di 1 Kwh. Ovviamente, questo dato è influenzabile dal tipo di lavaggio effettuato e dalla durata dello stesso. Un piccolo trucchetto per consumare meno energia elettrica? Sicuramente utilizzarla soltanto a pieno carico e selezionando il programma “eco”. Inoltre, se previsto dal contratto stipulato col proprio gestore, si potrebbe risparmiare economicamente accendendola nelle ore serali.

Il condizionatore
Sebbene indispensabile per la sopravvivenza estiva, se esistesse una classifica basata sui consumi di energia elettrica degli elettrodomestici, esso sarebbe sul gradino più alto.
Con un consumo medio annuo di 425 Kwh, il condizionatore risulta essere nemico acerrimo dei risparmi familiari. Per tentare di ovviare a questa problematica, si può limitare la potenza d’uso al minimo sindacale e prediligere sempre l’acquisto di elettrodomestici di classe A o superiore.

L’aspirapolvere
Questo elettrodomestico gioca un ruolo fondamentale, soprattutto negli ambienti in cui sono presenti degli animali domestici. Fortunatamente, il consumo medio giornaliero di energia elettrica si ferma a soglia 0,5 KWh. In questo caso, l’escamotage perfetto per risparmiare risiede tutto nella corretta manutenzione dello strumento. Dato l’utilizzo frequente, è bene impiegare prodotti di qualità, come per esempio i modelli della marca Folletto. Grazie alla presenza dei ricambi per folletto vk 121 in commercio, la durata di vita dell’elettrodomestico è di gran lunga maggiore. Tutto ciò, si traduce in un più grande risparmio e minore impatto ambientale.

Il frigorifero-freezer
Fondamentale per la corretta conservazione delle vivande, il frigorifero è il vero cuore pulsante della cucina. In termini di consumi degli elettrodomestici, esso si aggira intorno ai 350 KWh annui. Tale dato sembra molto elevato, ma comunque accettabile se si analizza il grado di importanza dell’attività di questo dispositivo. Alcuni trucchetti per risparmiare elettricità sono sicuramente l’acquisto di un frigo di classe alta, il posizionamento a distanza dalla parete e la collocazione delle vivande nelle posizioni corrette. Ad esempio, nel punto più freddo (in basso) è bene conservare carne e pesce, in quello meno freddo (lo sportello) si devono posizionare le uova. In alto, è consigliato riporre yogurt, latte e salumi.

Il Computer
Nonostante sia l’elettrodomestico più demonizzato dalle vecchie generazioni, utilizzando il computer per due ore si consumano soltanto 0,26 kWh.
Cardine della vita lavorativa e privata, è possibile, anche in questo caso, utilizzare degli espedienti per consumare il meno possibile energia elettrica. Ad esempio, è bene regolare la luminosità del display, disattivare la retroilluminazione della tastiera (laddove presente), disattivare l’avvio automatico dei programmi e attivare la modalità “risparmio energetico“.

Dopo questo veloce excursus sui consumi degli elettrodomestici più popolari, non puoi non notare quanto, dei piccoli gesti quotidiani, possano avere un largo impatto sulle utenze mensili. La scelta più giusta è sempre la stessa: acquistare elettrodomestici di classe alta, rinunciando ad un apparente convenienza a breve termine. Come in ogni ambito, anche in questo il risparmio non è mai guadagno!